varicocele

Varicocele

Il Varicocele è la dilatazione varicosa delle vene testicolari (Plesso pampiniforme). Insorge solitamente in età peri-post puberale e la sua prevalenza riscontrata, in occasione della visita di leva quando era obbligatoria, e del 15% circa. Nell’85% circa dei casi è localizzato a sinistra, nel 4% a destra enell’11% è bilaterale. E’ possibile classificarlo in stadi in funzione del grado di dilatazione delle vene. Spesso è asintomatico, altre volte determina sintomi quali sensazione di peso all’emiscroto, dolore incostante, ecc. Inoltre, il varicocele può determinare una diminuzione della fertilità, verosimilmente perché la dilatazione venosa porta ad un aumento di temperatura  di qualche grado nel testicolo con alterazione della spermatogenesi.


Diagnosi

La diagnosi, generalmente, non è difficile. L’esame obiettivo ne consente l’identificazione e l’ecografia e meglio ancora l’ecocolordoppler ne consentono di determinarne le caratteristiche.                              Posta la diagnosi di varicocele bisogna verificare la fertilità facendo eseguire al paziente uno spermiogramma. Un’infertilità associata alla presenza di varicocele non obbligatoriamente deriva da varicocele, per cui può essere necessario uno studio di secondo livello.

Terapia

Quando il varicocele è sintomatico o si ritiene che possa esser causa dell’infertilità ne è indicato il trattamento che può essere chirurgico, con la legatura delle vene che può essere effettuata a livelli diversi, oppure con la scleroembolizzazione percutanea che determina una sclerosi e quindi una chiusura chimica delle vene.

Share by: